Menu degustazione

CON IL MENU, LA PROPOSTA DI UN PERCORSO…

APERITIVO DI BENVENUTO

Gustando il panorama…

Bruschette all’olio 2018 della “Fattoria Fiorita”

IN CANTINA

Cicchetti dell’osteria di una volta nella tradizione bassanese e veneziana
accompagnati dal Vino del contadino

IN SALA

Parfait alla menta
in preparazione alla degustazione del menu che è stato concertato con l’ospite qualche giorno prima in base alla disponibilità dei prodotti accompagnando i singoli piatti con una selezione di vini della cantina

IN TERRAZZO

Chiacchierando in compagnia…

Formaggi del Grappa con le confetture tra i colori della frutta e i dolcetti della Lilly accompagnati da una selezione di vini Brut e da dessert

LILIANA E GALDINO, CON LA LORO PASSIONE VALORIZZANO UNA TRADIZIONE GASTRONOMICA DELLA NOSTRA TERRA, ESALTANDO UNA CUCINA CHE COINVOLGE LE STAGIONI CON I “PRODOTTI DI NICCHIA” SECONDO UNA TRADIZIONE CONSOLIDATA E PRESENTANDOLI IN CHIAVE CONTEMPORANEA.

Ecco alcuni esempi:

La zuppetta del pescator del brenta

Fin agli anni ’50 la pesca in alcuni tratti del fiume Brenta era esercitata con continuità da alcuni abitanti rivieraschi che traevano un redddito dalla vendita del pescato in particolare bisato (anguilla), trota, temolo, marsoni…
Durante la settimana, di solito il venerdì, nelle case dei pescatori del brenta si preparava una zuppa con i pesci che non venivano venduti.
Lilly riscopre e rielabora questa particolare ricetta per gli ospiti di Ca’ dei Sapori per far conoscere loro un’ottima zuppa che si può ottenere con il pesce del brenta (trota, bisato, temolo se pescato…), anche se non ha la consistenza, il prestigio e la varietà di quello dei mare.

La “Supa coada”
La “Supa coada”

Un antico piatto delle campagne asolane, preparato nelle famiglie contadine in occasione di festività e particolari ricorrenze, che viene riscoperto e proposto da Lilly per gli ospiti di “Ca’ dei Sapori” utilizzando alcuni prodotti “nostrani” quali colombini, galline rupestri, olio delle proprie olive, erbe aromatiche selvatiche, verdure e pane cotto a legna.

Frittura di trotelle su crema di Storo
Frittura di trotelle su crema di Storo

Un antica frittura della nostra valle era quella con i marsoni pescati dai ragazzi con una forchetta sotto i sassi del fiume Brenta mentre le donne facevano la “liscia” (bucato).
La frittura di piccole trote, acquistate in una itticoltura certificata CEE della valbrenta, vuol ricordare questo piatto del passato che Ca’ dei Sapori accompagna con un prodotto di nicchia quale la polenta ottenuta con la farina del grano di “Storo” coltivato nell’altopiano della valle del Chiese sopra Riva del Garda.

Cosciotto di agnello al forno con pera ai mirtilli e purea di castagne
Cosciotto di agnello al forno con pera ai mirtilli e purea di castagne

Le pere invernali delle nostre colline e il purè con le castagne, coltivate un tempo anche nella pedemontana del Grappa, ben si accompagnano all’agnello che in alcune malghe delle nostre montagne viene tutt’oggi allevato e che Ca’ dei Sapori cucina per i suoi ospiti dopo una particolare marinatura.

È inoltre possibile concordare serate a tema,
in esclusiva con il tuo gruppo, con:

– La zuppa in tingolo e i bolliti con il cren e le mostarde;
– I piatti della Quaresima con il tradizionale pesce quali sarde, renga, trote, baccalà, schie…;
– I prodotti del territorio (da aprile a giugno) quali asparagi di Bassano, olio di Pove, formaggi del Grappa, bisi di Borso.

Si possono concordare anche serate con altri menu.

Struttura riservata a gruppi, eventi, cerimonie e incontri aziendali
Apertura in relazione alla disponibilità dei prodotti
Prenotazione obbligatoria